Oggi ti parlo di un’emozione che ci aiuta ad esprimere la sofferenza per aver perso qualcosa o qualcuno: la tristezza. Grazie a lei possiamo staccarci dagli eventi dolorosi, e rimanere in contatto con noi stessi e con gli altri.

Tu come affronti solitamente la tristezza? E cosa fai per sostenere qualcuno che ti sta accanto e che è un po’ triste? Ci sono cose utili da fare in questi casi, ma ci sono anche azioni che invece è meglio evitare. Ma quali sono?

Iniziamo proprio da quelle che sarebbe meglio evitare di dire, a te stesso e agli altri:

1. Pensa alle cose belle! Che è un modo per ignorare la persona che è triste (tu o qualcuno intorno a te) e dirgli sostanzialmente che non ha senso, “non va bene che stai così!” e che deve essere diversa da com’è adesso, in questo preciso momento;

2. Fai qualcosa, esci, muoviti, conosci gente! Questo è esattamente quello che una persona triste non riesce a fare. L’istinto quando siamo tristi non è sicuramente quello di “fare” ma di ritirarci in un angolino a fare riserva di energie. Diresti ad una persona che ha male a una gamba di corriere? Ecco, quando siamo tristi abbiamo bisogno di fare movimenti verso l’interno di noi stessi: stare, accogliere, abbracciare. E non fuori di noi: andare, socializzare ecc…

3. Succede a tutti, ognuno ha i suoi problemi! Di sicuro al mondo c’è almeno una persona che sta peggio di te ma questo non rende soggettivamente meno doloroso quello che stai attraversando. Quando diciamo questo a noi stessi o a qualcuno intorno a noi in pratica non ci diamo il diritto di essere tristi, anzi, ci aggiungiamo anche una bella dose di sensi di colpa immeritati.

Ma allora cosa possiamo fare per fare i conti con la tristezza nostra e di chi ci sta vicino?

 

Se la tristezza fosse un movimento non sarebbe certamente un movimento verso l’altro, verso l’esterno ma verso di te. È un invito a stare, accogliere, tacere, recuperare energie. E fare resistenza è spesso inutile: ci sentiamo sì impotenti ma è proprio in quei momenti che possiamo lasciarci andare e ascoltare quello che ci sta succedendo, guardarci dentro e cercare un senso a questo sentimento.

Come possiamo farlo? Ci sono delle cose che funzionano piu di altre (prova a pensare se sono quelle che hanno funzionato con te), sono cinque e le vediamo insieme:

1. Ascoltare la tristezza: Accetta che tu (o la persona a te vicino) possa essere triste, è un’emozione che appartiene a chi la sperimenta, non è colpa di nessuno! Tutti gli adulti felice e appagato hanno vissuto delle tristezze: tu sai cosa ti rende triste? Sai cosa rattrista quella persona? Chiediglielo!

2. Raccontare la tristezza: cerca di capire cosa ha scatenato questa tua risposta emotiva; a volte può capitare di non saperlo ma iniziare a pensare in quali momenti della giornata si avverte di piu quest’emozione può essere un punto di partenza.

3. Dare un nome. È la tristezza, è un’emozione spiacevole! Se sei tu a essere triste, puoi concederti qualche minuto per metterlo a fuoco: “e va bene, oggi sono triste!”; Se si tratta di qualcuno a te vicino e la sua esperienza ti ricorda qualcosa puoi dirglielo: “Io in una situazione simile, mi sento triste. Anche per te è cosi?” Puoi dirglielo, l’altro non si sentirà un alieno, avrà un esempio che la tristezza si può attraversare e superare.

4. Rispondere al bisogno: tutto quello che puoi fare per l’altro è essere presente ed esprimere comprensione e sostegno (talvolta attraverso un abbraccio, talvolta no). Hai già qualche idea su come puoi sostenere te?

5. Regolare l’intensità: a volte questa emozione ci sommerge. anche in questo caso, la tua presenza può essere contenitiva; senza svalutare puoi aiutarlo a dare proporzione a ciò che accade. In altre parole, quello che funziona nella relazione con te stesso quando sei triste o con qualcuno accanto a te, non è tanto pretendere di modificare l’emozione ma starsi vicino e darsi il permesso di esprimerla. Non serve “aggiustare” l’umore dell’altro (o di stessi) con prediche o consigli non richiesti ma, semplicemente essere consapevoli di quello che si sta vivendo. Il messaggio che inviamo a noi stessi e agli altri è “sono qui, ti ascolto. Tu puoi affrontare quanto è successo”.

Ed è quello che ti dico anch’io: sono sempre qui pronta ad ascoltarti. Ti senti triste? Ti fai sopraffare da questa emozione oppure non sai come gestirla al meglio? Scrivimi!

ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER

Per non perderti anticipazioni sui corsi, sconti, spunti utili e anteprime.
In omaggio l’e-book 99 DRITTE PER VIVERE FELICE CON LE TUE IMPERFEZIONI (e farle diventare un punto di forza).

The following two tabs change content below.
Psicologa delle relazioni interpersonali. Amo accogliere e accompagnare verso il cambiamento le persone che attraversano un momento critico.

Ultimi post di Claudia Mandarà (vedi tutti)