Spesso non ci accorgiamo della gioia: è un’emozione a cui non tendiamo a dare molta attenzione perché funzioniamo in modo da essere maggiormente allertati dalle emozioni spiacevoli e intense come la rabbia, la tristezza o la paura che sono segnali di un pericolo o un bisogno e che ci invitano a proteggerci attivando tutti i nostri meccanismi difensivi.

Cosi, qualche volta può capitarci che quando arrivi la gioia sul palco della nostra vita o della nostra giornata noi siamo un po’ distratti. Succede spesso anche in terapia quando le persone arrivano ad un incontro serene o appagate da qualche cambiamento; la prima cosa che viene spontaneo da dire è “oggi non so di cosa parlare, sono serena, non c’è una cosa che mi turba” (e in realtà, si rivelano sempre le sedute più feconde!).

Ma perché è cosi difficile stanziare nella gioia, visto che abbiamo sempre il desiderio di essere felici e questo ci motiva a mobilitare tantissime energie per raggiungere i nostri obiettivi? C’è un tempo nelle nostre giornate per gioire di quello che abbiamo raggiunto o manca sempre qualcosa per sentirci soddisfatti di noi?

A cosa serve la gioia

La gioia è un’emozione lenta che ci permette di funzionare con una consapevolezza allargata sulla nostra esperienza. Mentre la rabbia e la paura sono emozioni difensive che viaggiano velocissime e la nostra attenzione è focalizzata su un unico elemento a cui reagire, la gioia ci permette di ampliare la visuale dell’esperienza, ci permette di essere più flessibili, creativi e più capienti rispetto a pensieri diversi dal nostro.

Se non c’è niente da cui difenderci, la gioia ci permette di sentire il piacere e ci dà la possibilità di godere e condividere gli eventi piacevoli e felici delle nostre giornate. È un invito a stare semplicemente e assaporare quello che abbiamo fatto o quello che abbiamo vissuto e ricevuto dagli altri. Siccome è un’emozione sociale, quando siamo felici generalmente siamo espansivi, lo vogliamo gridare dai tetti in su. E condividere amplifica la gioia perché solo nella relazione mentre comunichiamo all’altro spesso ci diamo la possibilità di dire le cose a noi stessi.

Dove si trova la gioia e come scovarla nel quotidiano

C’è un grande equivoco sulla gioia: da qualche parte di noi, ci diciamo che possiamo gioire solo quando non ci sono altre emozioni spiacevoli a distrarci, come se la gioia si potesse sperimentare in assenza di difficoltà.

Ma in realtà coesiste con le altre emozioni e si annida in tutti gli angoli della nostra giornata. Noi possiamo scorgerla se ci diamo la possibilità di rallentare e attivare una consapevolezza aperta verso tutte le sfumature dell’esperienza. Riconosciamo la gioia quando guardiamo con la stessa attenzione agli aspetti piacevoli, spiacevoli e neutri di ciò che stiamo vivendo. È cosi che possiamo imparare a fare spazio e riconoscere gli elementi piacevoli della nostra vita quando arrivano, anche se sono molto piccoli.

La gioia non è un lusso superfluo di cui possiamo fare a meno; ci permette di essere vitali e riconnetterci con tutto quello che è vivo dentro di noi e fuori di noi nel momento presente

Cosi, nell’ultimo appuntamento di quest’anno sui Zoom, ci soffermeremo a scovare i motivi di gioia presenti in questo momento, in quest’anno cosi difficile, dentro le nostre esperienze imperfette. Lo faremo insieme, venerdì 10 dicembre alle 19. Raggiungici iscrivendoti qui!

The following two tabs change content below.
Psicologa delle relazioni interpersonali. Amo accogliere e accompagnare verso il cambiamento le persone che attraversano un momento critico.